Cosa bolle in pentola

Ci sono così tante cose che vorremmo raccontarvi e ci piacerebbe coinvolgervi in ognuno di questi progetti e dei prossimi che ci verranno in mente.

Scorri la pagina per scoprire su cosa stiamo lavorando e cosa vorremmo diventasse concreto. Alcuni progetti sono già partiti e altri partiranno presto. Segui il filo e scopri di più.

  • coworking
  • scuola esperineziale
  • riciclo plastica
  • boschi
  • coworking familiare

hai un progetto da proporci? Clicca qui

Wise Coworking

Sintesi Progetto

Spazio di lavoro condiviso che genera progetti locali e riduce il pendolarismo, riportando le persone a vivere la realtà del paese o del quartiere. Il primo spazio nascerà a Offagna (AN)

Luogo: Offagna
Stato: attivo da ott. 2020

visita il sito

Il coworking è una realtà che raccoglie un signifcato e un’importanza vitale nei nostri progetti. Oltre che per il valore tecnologico e di innovazione, pensiamo sia un posto ideale dove realizzare relazioni personali e professionali che portino ad una crescita.

Quindi il Coworking è prima di tutto uno spazio di crescita  e va pensato e realizzato come tale. Per parlare di coworking è necessario creare spazi di lavoro e di socialità, spazi conviviali e spazi formativi, certamente non basta affittare una scrivania .

E’ necessario pensare al coworking come uno spazio di “lavoro di prossimità”.  Il Wise coworking vuole portare il lavoro ad un massimo di 15 min (a piedi o in bici) dal luogo in cui viviamo per permettere alle persone di non “perdersi” nella routine dei pendolari (in fondo oggi possiamo lavorare anche da casa… lo abbiamo dimostrato), permettendo ai paesi e ai quartieri di essere abitati e vivi, cosi come per le attività commerciali di zona, spostando l’equilibrio dei centri commerciali su una realtà di “centro commerciale a cielo aperto”

Il wise coworking restituisce alle persone più tempo per i figli, la famiglia, il riposo, la lettura, e la relazione umane (che non siano solo quelle con i colleghi)

Wise Coworking a Offagna vuole essere un primo passo di un percorso che crescerà nel tempo e nel quale realizzeremo molte iniziative.

Segui il sito www.wisecoworking.it

Vivaio

Scuola

Esperienziale

Sintesi Progetto

Scuola esperienziale per giovani che vogliono cambiare il mondo, aperta ai ragazzi e alle ragazze dai 16 anni in su, in cui mettersi in gioco, insieme alle famiglie, supportati da insegnanti e “fratelli maggiori”, i tutor, che a loro volta vengono formati per diventare gli educatori  e gli insegnanti di domani.

Luogo: Milano, Offagna (AN)
Stato: gennaio 2021

visita il sito

Come ti immagini una scuola ideale? Si basa sull’apprendimento di materie standard o quelle che vorresti imparare? E come pensi dovresti essere trattato dagli insegnanti e dai compagni di percorso?

Abbiamo osservato le scuole tradizionali e, nonostante il lavoro di alcuni ottimi insegnanti e dirigenti, nella maggior parte c’è una disorganizzazione ed una disarmonia invivibile. Abbiamo osservato anche le scuole esperienziali, splendidi i progetti per i più piccoli ma lacunosi quelli per i più grandi, a volte usate come parcheggi.

Ci siamo chiesti perché sempre più giovani a 16 anni abbandonano la scuola tradizionale ed abbiamo scoperto che tanti la lasciano per l’ansia: di studiare in un posto spiacevole, di confrontarsi con insegnanti che non ascoltano le difficoltà e non propongono soluzioni alternative, di subire atti di bullismo fisico e mentale dai pari e dagli adulti, di sentirsi fuori posto per età, interessi, maturità emozionale, per non essere accettati nelle proprie diversità, per un generale mancato rispetto.

Pensiamo quindi che i giovani che lasciano la scuola a 16 anni, ma che avrebbero volentieri continuato a studiare in altri contesti, hanno il diritto di continuare a sperimentare in una scuolache creda nelle loro capacità, aiuti ad incanalare le forza in più strade espressive, mostri dei percorsi e dia gli input per proseguire secondo le proprie inclinazioni.

Cristian Tava, l’ideatore del progetto Viva-io, immagina una scuola che sviluppi il pensiero critico e analitico, una scuola che pensa, osserva e fa, un luogo che metta in luce le capacità di ogni studente

Francesca Vitale, specializzata nella risoluzione delle difficoltà inerenti il mondo dei disturbi specifici dell’apprendimento come  Dislessia e Disgrafia, immagina una scuola senza ansia, voti, verifiche, giudizio, in cui gli insegnanti  sanno ascoltare e trovare 10-100-1000 soluzioni differenti per cui tutto il gruppo classe possa arrivare alla meta personale, in cui gli studenti possano finalmente parlare di sé, tra pari non giudicanti, senza aggressività e violenza, senza soprusi, facendo un ottimo gioco di squadra in cui ognuno è se stesso, con le sue passioni, emozioni, scelte di vita e capacità.

Per questo abbiamo creato un progetto che più che “innovativo” è “quello che ci voleva”, in un Villaggio saggio tutti hanno il diritto di formarsi al meglio delle proprie capacità. Per cambiare le dinamiche e le cose che non ci piacciono di questa società occorre formare le nuove generazioni nel rispetto, nell’accettazione delle differenze individuali, nelle capacità di ascolto e comunicazione e nell’imparare a creare e svolgere lavori in collaborazione. Della scuola “tradizionale” non apprezziamo la competitività e la frustrazione. Nel dolore si impara sempre qualcosa ma nella soddisfazione e nel riconoscimento si impara molto, molto di più.

Viva-io vuole ridare l’autostima a quei ragazzi che per anni non si sono sentiti ascoltati, capiti ed accettati, ai ragazzi che non volevano prevaricare sugli altri e sono rimasti schiacciati, ai ragazzi in cui è stato impedito di scegliere i sistemi compensativi più idonei per loro o sono stati affossati dal marchio “è diverso e non ce la può fare” e gli è stato impedito di mettersi alla prova insieme alla classe.

Questi ragazzi hanno cosi tanto da dire e da raccontare, così tanto da creare, nel profondo sono già competenti ma necessitano di una guida adulta che gli permetta di sollevare la testa e immaginare una società nuova.

Viva-io crede fortemente nella ricerca delle unicità.
Villaggio Saggio è un sistema che da importanza alla formazione e ancora di più a quella pratica ed esperienziale (come ci ha insegnato Leonardo)

Abbiamo rubato al nostro vate la frase “discepoli dell’esperienza” perché solo attraverso essa è possibile comprendere davvero il mondo che ci circonda.


Nel primo biennio affronteremo le grandi tematiche che valorizzano tutte le intelligenze multiple:

  • agri cultura
  • comunicazione
  • artigianato

Vogliamo fare vivere ai nostri studenti un’esperienza continua ed entusiasmante.

Nel periodo autunno-inverno 2020 lavoreremo sulla formazione di insegnanti e tutor. Quest’ultima figura è particolarmente importante. Si tratta di giovani, animatori, educatori ecc. di età tra i 22 ed i 26 anni provenienti da tutta Italia, che fungano da collegamento tra insegnanti e studenti. Questi “fratelli maggiori” saranno i traduttori esperienziali ed emozionali degli insegnanti verso gli studenti e le persone più idonee ad ascoltare le necessità dei ragazzi per spiegarle agli insegnanti.

I tutor saranno formati per tutto il percorso come “buoni maestri”, supportati dal gruppo dei professionisti per sapere affrontare l’importante ruolo di coltivatore di semi e per poi successivamente portare le buone pratiche di Viva-io nelle loro zone.

Le aule di Viva-io nasceranno a partire da Milano e a Offagna (borgo medievale in provincia di Ancona) dalla primavera 2021. 

Precius Plastic

Sintesi Progetto

Laboratorio di riciclo e raccolta della plastica per generre nuovi oggetti e generando un circuito locale di riciclo degli scarti plastici

stato: in attivazione

visita il sito

Per chiudere il cerchio di un’economia locale occorre pensare di poter evitare il “lugno viaggio” degli scarti come la plastica.

Stiamo così iniziando la creazione di un progetto che si legerà sia allo sviluppo locale che ai laboratori didattici di Viva-io rendendo così l’esperienza del riciclo, oltre che un’attività di sensibilizzazione, anche un’attività finalizzata a creare prodotti utili alla Comunità.

Precius Plastic è un progetto Opensouce internazionale a cui hanno aderito moltissime realtà alcune delle quali italiane.

Immaginando di aprire più scuole di Viva-io in Italia ci siamo interrogati sull’importanza di questo strumento.

Abbinato alla realizzazione di un laboratorio attrezzato abbiamo immaginato anche l’importanza di utilizzare mezzi ecologici (a pedalata assistita con piano di carico merci) per la raccolta evitando così di intasare il paese o il quartiere di altri mezzi “pesanti” che oggi sono la quotidianità.

Unisciti al gruppo di lavoro per creare nuove sedi in Italia o per rafforzare quelle già esistenti.

Un Bosco da Vivere

Sintesi Progetto

Creazione di boschi che diventino spazi per viverci, lavorare, pensare e trovare il proprio equilibrio.
Creazione di Polmoni verdi “privati” che diano ossigeno e ci proteggano da un clima che cambia e che possano anche essere laboratori di produzione alimentare (food forest)

stato: in attivazione

luogo: Offagna (AN)

visita il sito

L’importanza dei Boschi è ormai nota ma sembra che a volte dimentichiamo il ruolo fondamentale che hanno nella nostra vita.

“un bosco da vivere” è uno spazio creato appositamente per essere frequentato e “usato” per produrre ossigeno e assorbire anidride carbonica (già solo questo dovrebbe essere un motivo per realizzare un progetto come questo) ma è anche uno spazio per passeggiare, per trovare pace e serenità, per parlare, fare incontri e corsi all’aperto, per scoprire la stagionalità e fare produzione alimentare edibile.

Ogni paese circondato da campi agricoli dovrebbe pensare di convertirne una parte per creare ambienti come questi.

Noi vogliamo supportarte e sostenere quest’attività costruendo percorsi di consapevolezza e spazi fisici grazie al coinvoglimento di associazioni locali, comitati e comunità territoriali.

Per creare un bosco ci vogliono circa 10 anni di lavoro ma il valore che ci restituisce è davvero immenso.

Ci sono anche boschi già formati che vanno mantenuti e gestiti e, nel rispetto della natura, vissuti.

Nel progetto abbiamo previsto una sinergia con la Scuola Viva-io per prendere uno spazio agricolo dedicato ad ogni classe che inizia la scuola e che pianterà il suo bosco per tornare a visitarlo dopo anni dalla fine del percorso scolastico e della specializzazione. Ci piace l’idea di creare un legame tra gli alberi e gli studenti della scuola.

Dopo alcuni anni, i boschi saranno aumentai e anche il benessere delle persone che li hanno abitati.

Come supportare questo progetto?

Se hai un terreno agricolo puoi metterlo a disposizione per creare nuovi boschi.

Se hai voglia di supportare il progetto contattaci e partecipa alle attività del gruppo.

Coworking Familiare

Sintesi Progetto

Ci sono famiglie che vogliono condividere la propria quotidianità e creare valore e rete con e per altre famiglie. Spatium Vivendi vuole creare una rete di famiglie con cui confrontarsi e crescere. Il primo spazio è già nato a Milano.

visita il sito

Prima di Viva-io, prima di Wise Coworking, prima di Villaggio Saggio… era nata l’esigenza di creare degli spazi di coworking FAMILIARI.

Una rete di piccoli spazi a “conduzione familiare” nei quali la famiglia vive e lavora unita creando un’atmosfera hygge (per dirla in svedese) … ovvero come una casa, un posto piacevole dove vivere e confrontarsi ma anche uno spazio dove organizzare piccoli eventi, corsi, dibattiti, laboratori di crecita personale.

Al momento abbiamo attivato “Amilcare” il primo spazio a Milano che ci è servito come progetto pilota per comprendere le esigenze familiari e come creare spazi privati per i figli permettendogli ugualmente di poter stare anche con altre persone sul principio dell’accoglienza e della cresceita.

L’idea è quella di creare altri coworking familiari in Italia che vogliano fare rete tra di loro e scambiarsi le esperienze e rafforzarsi.

Inutile dire che il Coworking Familiare può essere una base di partenza per costruire una sede di Viva-io proprio per le caratterestiche inclusive ed educative che entrambi i progetti hanno.

Spesso le famiglie si sentono sole nel loro cammino di accompagnamento dei figli verso l’età adulta e sembra loro sempre che i problemi che stanno vivendo sono solo loro. Confrontarsi con altri è il modo migliore per crescere e superare le difficoltà.

Nel Villaggio Saggio riscopriamo il gusto di stare in famiglia di fare smartworking ma non di restare schiacciati dal lavoro e di non portarlo negli spazi privati della casa. Così nasce uno spazio nuovo come il Coworking Familiare che risponde alle esigenze di quelle famiglie che vogliono fortemente restare unite per i motivi più diversi (spesso per dare maggior supporto al percorso di crescita difficile dei figli ma anche per il semplice piacere di stare uniti)

La famiglia è l’elemento principale della società e della Comunità e va valorizzaro e supportato.

Puoi seguire questo progetto costruendo un tuo Spazio di Coworking Familiare o semplicemente partecipando alle attività, corsi e incontri.

Hai un progetto da proporci?

Compila il form e prova a conquistarci, se il tuo progetto ci affascina e impressiona saremo felici di fare un colloquio con te per farlo crescere insieme

proponi il tuo progetto